Benvenuti in "La memoria è un bene rinnovabile", questo sito rappresenta il prodotto del lavoro svolto da alcune associazioni di Cernusco sul Naviglio sul tema della conservazione e trasmissione della memoria storica legata all’immenso patrimonio che la Resistenza ci ha lasciato.
Cernusco sul Naviglio
giorno mese anno
1 November 2017

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Cernuschesi partigiani della montagna
Cesare Beretta Cesare
Beretta
Quinto Calloni Quinto
Calloni
Giuseppe Comi Giuseppe
Comi
Felice Frigerio Felice
Frigerio
Ennio Sala Ennio
Sala
Lino Penati Lino
Penati
La fotografia La fotografia Virgilio Oriani Virginio
Oriani
Bruno Perego Bruno
Perego
Cesare Riboldi Cesare
Riboldi
Secondo Marelli don
Secondo
Marelli
Angelo Stocchetti Angelo
Stocchetti
Giovanni Vanoli Giovanni
Vanoli
Alberto Gabellini Alberto
Gabellini
Roberto Camerani Roberto
Camerani
Antonio Castoldi Antonio
Castoldi
Giovanni Codazzi Giovanni
Codazzi
Maria Codazzi Maria
Codazzi
Antonio De Stefani Antonio
De Stefani
Vittorio 'Ivo' Galeone Vittorio
Galeone
Angelo Ratti Angelo
Ratti
Angelo Galimberti Angelo
Galimberti
Pietro Tremolada Pietro
Tremolada
Giuseppe Meroni Giuseppe
Meroni
Percorsi e momorie della resistenza
Home  |   Contatti  |   Link utili  |   A  |   A+  |   solo testo  

La Resistenza a Cernusco


Angelo Ratti

Angelo Ratti nasce a Cernusco sul Naviglio il 2 maggio del 1926. Per la sua scelta antifascista viene arrestato con cinque compagni e, nel marzo del 1944, deportato nel campo di sterminio di Mauthausen-Gusen. Lavora dapprima alla costruzione del campo di Gusen II e poi in galleria. Nel maggio del 1945, Angelo, finalmente libero, torna in Italia, lavora presso una grande industria editoriale a Milano, dove vive con la famiglia. Diventa un testimone e guida numerosi viaggi a Mauthausen-Gusen.

Due mondi

Il padre di Angelo, socialista ed antifascista, aveva subito la persecuzione dei fascisti già a partire dal 1923-24. Angelo cresce secondo la dottrina del papà, ma la scuola che frequenta e tutta la società sono pervase dal totalitarismo ideologico fascista e i ragazzi devono militare nell’Opera Nazionale Balilla. Il giovane Angelo vive questa contraddizione tra il pensiero respirato in casa e quello imposto fuori.

La scelta

Arriva comunque il momento della presa di coscienza e già nel 1943 Angelo fa la sua scelta: con un gruppo di ragazzi, sei studenti di Cernusco, inizia a svolgere attività antifascista.

Tradimento e arresto

Il 18 dicembre del 1943, arrivano da Milano alcuni militari tedeschi che, casa per casa, arrestano tutti i componenti del gruppo: Roberto Camerani, Ennio Sala, Quinto Calloni, Virginio Oriani e Pierino Colombo. Angelo viene trasportato, con i suoi compagni, al carcere di San Vittore, a Milano. Dopo gli scioperi dei lavoratori contro la guerra e l’occupazione tedesca, il carcere si riempie di operai ed antifascisti: è ora di fare un po’ di spazio, così Il 4 marzo del 1944, di notte, con cento prigionieri, viene chiuso in un vagone merci e fatto partire per la deportazione. Arriveranno alla stazione di Mauthausen.

Da Mauthausen a Gusen

Il 14 maggio del 1944 Angelo viene inviato, con altri 2000 deportati, ad uno dei più grandi sottocampi di Mauthausen, Gusen, che raggiunge dopo una marcia di circa otto chilometri, con i piedi ormai piagati dagli zoccoli di legno rotti e spaiati. Angelo è fortunato perché riesce ad entrare in un Kommando che prepara le punte da usare per le perforazioni, un lavoro che consente di resistere qualche mese, qualche giorno in più. Poi le cose cambiano, altri lavori, più fatica.

Libero

Appena arrivano gli americani, l’8 maggio del 1945, Angelo è impaziente, non sopporta più il campo, il suo odore, stracci come vestiti e la scabbia. Con alcuni compagni lascia il campo e trova dei militari italiani rilasciati dai campi di prigionia. Viene aiutato a riprendersi e scopre che tra i soldati italiani c’è suo fratello. Si ritrovano, si riabbracciano e poi finalmente inizia il viaggio di ritorno a casa.
La vita riprende.

Associazione Roberto Camerani

 

Materiale disponibile

Biografia [.pdf]