Benvenuti in "La memoria è un bene rinnovabile", questo sito rappresenta il prodotto del lavoro svolto da alcune associazioni di Cernusco sul Naviglio sul tema della conservazione e trasmissione della memoria storica legata all’immenso patrimonio che la Resistenza ci ha lasciato.
Cernusco sul Naviglio
giorno mese anno
2 October 2017

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Cernuschesi partigiani della montagna
Cesare Beretta Cesare
Beretta
Quinto Calloni Quinto
Calloni
Giuseppe Comi Giuseppe
Comi
Felice Frigerio Felice
Frigerio
Ennio Sala Ennio
Sala
Lino Penati Lino
Penati
La fotografia La fotografia Virgilio Oriani Virginio
Oriani
Bruno Perego Bruno
Perego
Cesare Riboldi Cesare
Riboldi
Secondo Marelli don
Secondo
Marelli
Angelo Stocchetti Angelo
Stocchetti
Giovanni Vanoli Giovanni
Vanoli
Alberto Gabellini Alberto
Gabellini
Roberto Camerani Roberto
Camerani
Antonio Castoldi Antonio
Castoldi
Giovanni Codazzi Giovanni
Codazzi
Maria Codazzi Maria
Codazzi
Antonio De Stefani Antonio
De Stefani
Vittorio 'Ivo' Galeone Vittorio
Galeone
Angelo Ratti Angelo
Ratti
Angelo Galimberti Angelo
Galimberti
Pietro Tremolada Pietro
Tremolada
Giuseppe Meroni Giuseppe
Meroni
Percorsi e momorie della resistenza
Home  |   Contatti  |   Link utili  |   A  |   A+  |   solo testo  

Oltre Cernusco


Luigi Melzi

Luigi Melzi nasce a Cernusco sul Naviglio il 30 maggio 1914.
Operaio meccanico, coraggioso antifascista, era sorvegliato e spesso minacciato dai fascisti locali. Dopo l'8 settembre 1943 lasciò Cernusco per andare a combattere nelle formazioni dei partigiani della montagna. Dal 29 maggio 1944 combatté presso il distaccamento "Vercellina", della 12a Divisione Garibaldi "Nedo", comandata da Franco Moranino ("Gemisto"). Il Melzi (nome di battaglia "Fraister") cadde in combattimento il 22 febbraio 1945 alla frazione Bulliana del Comune di Trivero (Vercelli).

 

Il comandante Gemisto (a sinistra) sulla tomba di Luigi Melzi "Fraister"

 

Ricordiamo che la 12a Divisione garibaldina "Nedo" era sorta nel Biellese orientale nel maggio-giugno del 1944 dalla riorganizzazione di alcuni battaglioni operanti nella Val Strona e nella Val Sessera, agli ordini di Pietro Pajetta ("Nedo"), caduto in combattimento nel febbraio di quell'anno. La "Nedo", all'inizio, quand'era ancora una brigata, controllava la zona di Cossato, Vallemosso, Trivero, Coggiola, Pray, Crevacuore, fino a lambire la pianura.
Giorgio Perego

 

Materiale disponibile

Biografia [.pdf]