Benvenuti in "La memoria è un bene rinnovabile", questo sito rappresenta il prodotto del lavoro svolto da alcune associazioni di Cernusco sul Naviglio sul tema della conservazione e trasmissione della memoria storica legata all’immenso patrimonio che la Resistenza ci ha lasciato.
Cernusco sul Naviglio
giorno mese anno
5 November 2017

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Cernuschesi partigiani della montagna
Cesare Beretta Cesare
Beretta
Quinto Calloni Quinto
Calloni
Giuseppe Comi Giuseppe
Comi
Felice Frigerio Felice
Frigerio
Ennio Sala Ennio
Sala
Lino Penati Lino
Penati
La fotografia La fotografia Virgilio Oriani Virginio
Oriani
Bruno Perego Bruno
Perego
Cesare Riboldi Cesare
Riboldi
Secondo Marelli don
Secondo
Marelli
Angelo Stocchetti Angelo
Stocchetti
Giovanni Vanoli Giovanni
Vanoli
Alberto Gabellini Alberto
Gabellini
Roberto Camerani Roberto
Camerani
Antonio Castoldi Antonio
Castoldi
Giovanni Codazzi Giovanni
Codazzi
Maria Codazzi Maria
Codazzi
Antonio De Stefani Antonio
De Stefani
Vittorio 'Ivo' Galeone Vittorio
Galeone
Angelo Ratti Angelo
Ratti
Angelo Galimberti Angelo
Galimberti
Pietro Tremolada Pietro
Tremolada
Giuseppe Meroni Giuseppe
Meroni
Percorsi e momorie della resistenza
Home  |   Contatti  |   Link utili  |   A  |   A+  |   solo testo  

L'arresto di Farinacci e la resa delle SS italiane

8. Due eventi di importanza nazionale

 

Cattura e fucilazione di Roberto Farinacci

Il 27 aprile 1945, a Beverate, veniva catturato dal distaccamento di Merate della 104a brigata Garibaldi il gerarca Roberto Farinacci. Fascista della prima ora, ras di Cremona, con le sue squadracce di manganellatori avevano terrorizzato la provincia. Farinacci rimase sempre fascista intransigente, leader del fascismo puro e duro, filonazista. Nel 1938 era stato tra i maggiori sostenitori dell’emanazione delle leggi razziali; nel 1939 era fautore dell’ingresso immediato in guerra.


Vimercate, 28 aprile 1945. Farinacci, dopo essere stato processato
e condannato a morte, viene accompagnato dai sacerdoti sul luogo
della fucilazione che avverrà in piazza Unità d’Italia


Dopo l’arresto trascorse la notte presso Villa Prinetti di Merate. Il giorno successivo veniva condotto a Vimercate, dove un tribunale popolare lo condannava a morte. L’esecuzione fu immediata e avvenne nella piazza principale del paese.

 

La resa delle SS italiane

Il 30 aprile veniva fermata a Gorgonzola una colonna di circa 200 SS italiane. Non si trattava di una colonna qualsiasi, ma di ciò che rimaneva del famigerato Kampfgruppe “Binz”, al comando dell’SS-Obersturmbamfuhrer Franz Binz, di Duren. Il Gruppo “Binz” si era formato dall’unione dei soli due battaglioni di SS italiane, il “Debica” e il “Vendetta”, dei quali i tedeschi più si fidavano.
Il 25 aprile, nella Bassa piacentina, Binz dava l'ordine di ritirata all’intero Gruppo. Armato di tutto punto, con automezzi, carri armati e mortai, varcato il Po esso si diresse a Santo Stefano Lodigiano, Somaglia, Lodi Vecchia (dove giunse il giorno 29), bersagliato dall’aviazione angloamericana e costretto a continue soste dagli attacchi partigiani.
Mentre nei giorni precedenti tutti i presidi di SS italiane si erano sfaldati e arresi ai partigiani, il Gruppo “Binz” era l’unico ancora in grado di opporre un’efficace reazione militare. Da Lodi Vecchia, il “Binz” puntò su Paullo per tentare di raggiungere la Brianza, ma il 30 aprile «a Gorgonzola i carri armati americani gli bloccano la strada. Franz Binz ha compreso che è la fine e si arrende».
Ricordiamo che le SS italiane prestavano giuramento, come quelle tedesche, a Hitler e portavano il distintivo del “teschio d’argento”; avevano gli stessi gradi di quelle tedesche, ma le loro mostrine erano rosse. I tedeschi impiegarono le SS italiane soprattutto in operazioni di polizia, di rastrellamento, di rappresaglia contro partigiani e popolazione civile.