Benvenuti in "La memoria è un bene rinnovabile", questo sito rappresenta il prodotto del lavoro svolto da alcune associazioni di Cernusco sul Naviglio sul tema della conservazione e trasmissione della memoria storica legata all’immenso patrimonio che la Resistenza ci ha lasciato.
Cernusco sul Naviglio
giorno mese anno
1 September 2017

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Cernuschesi partigiani della montagna
Cesare Beretta Cesare
Beretta
Quinto Calloni Quinto
Calloni
Giuseppe Comi Giuseppe
Comi
Felice Frigerio Felice
Frigerio
Ennio Sala Ennio
Sala
Lino Penati Lino
Penati
La fotografia La fotografia Virgilio Oriani Virginio
Oriani
Bruno Perego Bruno
Perego
Cesare Riboldi Cesare
Riboldi
Secondo Marelli don
Secondo
Marelli
Angelo Stocchetti Angelo
Stocchetti
Giovanni Vanoli Giovanni
Vanoli
Alberto Gabellini Alberto
Gabellini
Roberto Camerani Roberto
Camerani
Antonio Castoldi Antonio
Castoldi
Giovanni Codazzi Giovanni
Codazzi
Maria Codazzi Maria
Codazzi
Antonio De Stefani Antonio
De Stefani
Vittorio 'Ivo' Galeone Vittorio
Galeone
Angelo Ratti Angelo
Ratti
Angelo Galimberti Angelo
Galimberti
Pietro Tremolada Pietro
Tremolada
Giuseppe Meroni Giuseppe
Meroni
Percorsi e momorie della resistenza
Home  |   Contatti  |   Link utili  |   A  |   A+  |   solo testo  

La Resistenza a Cernusco


Vittorio "Ivo" Galeone

Vittorio Galeone nasce a Diso, in provincia di Lecce, il 3 settembre del 1922. A 17 anni emigra a Torino, dove lavora come calzolaio. Nel 1942 viene chiamato alle armi e addestrato per essere inviato al fronte. Ma Vittorio ripudia la guerra e fa di tutto per non prendervi parte. Il suo comportamento provocatorio gli vale persino una condanna a dieci mesi di condizionale per insubordinazione e gravi ingiurie da parte del Tribunale Straordinario di Guerra. Tornato dal fronte nel 1943 per deperimento organico, partecipa agli scioperi e alle manifestazioni della Torino operaia. Dopo l'8 settembre 1943, si unisce ai partigiani comunisti Stella Rossa, entrando quindi a far parte dei GAP (Gruppi di Azione Patriottica) torinesi, dove conosce Giovanni Pesce ("Ivaldi"), comandante militare. Ma la permanenza di Vittorio nei GAP è di breve durata: poco dopo la sua prima azione, viene arrestato, per colpa di una spia, e internato alle Nuove per sei mesi. Uscito di carcere nell'agosto del 1944, si dà alla fuga, raggiunge il Canavese e si unisce ai partigiani della 77a Brigata Garibaldi "Titala" con il nome di battaglia di "Brusky". Su quelle colline Vittorio combatte strenuamente contro i nazifascisti e si fa onore. Torna quindi a Torino e, con Erasmo Tosi e Piero Passoni, cerca di riorganizzare una Brigata Matteotti, ma per lui la città è ormai terra bruciata. Fugge quindi a Milano, dove, con il nuovo nome di battaglia di "Ivo", prende contatto con le Brigate Matteotti che operano a Monza, Abbiategrasso, Cernusco sul Naviglio. A Cernusco, in particolare, conosce Alfredo Rurale, responsabile dell'11a Brigata Matteotti, della quale Vittorio assume il comando.

 

Tessera di riconoscimento rilasciata dal Comando Formazioni "Matteotti" a Vittorio Galeone

 

"Ivo" si distingue per la sua capacità di comando, per il sangue freddo e per il coraggio che dimostra nelle azioni armate. In una di queste, a Milano, viene ferito gravemente a un braccio. Pur continuando a operare nel capoluogo, deve ritirarsi a Cernusco e Pioltello. A Cernusco viene ospitato a casa dei Rurale, in via Battisti, e quindi dei Riboldi, in via Monza. Poi si trasferisce alla cascina Arzona di Pioltello, in casa dei Piccoli. Galeone, insieme ai comandanti delle altre Brigate partigiane, è protagonista della resa del comando tedesco di Cernusco il 26 aprile del 1945. Successivamente si unisce al distaccamento di Pioltello e forma la colonna di automezzi e mezzi blindati requisiti ai tedeschi, che raggiungerà Milano.
L'importanza di Galeone, grande protagonista della Resistenza della Martesana, travalica ampiamente i confini locali.
Vittorio Galeone è scomparso nel 1999.

(le notizie sono state tratte da Col cuore in gola, di Giorgio Perego)

Per un approfondimento sulla figura di Vittorio "Ivo" Galeone, rimandiamo a:
Vittorio Galeone, Ricordi partigiani - Con un quadro storico su «La Resistenza nell'est milanese» di Giorgio Perego, Bine Editore, Cernusco sul Naviglio 1985

 

Materiale disponibile

Biografia [.pdf]

Documenti [.pdf]