Benvenuti in "La memoria è un bene rinnovabile", questo sito rappresenta il prodotto del lavoro svolto da alcune associazioni di Cernusco sul Naviglio sul tema della conservazione e trasmissione della memoria storica legata all’immenso patrimonio che la Resistenza ci ha lasciato.
giorno mese anno
4 April 2020
Cesare Beretta Cesare
Beretta
Quinto Calloni Quinto
Calloni
Giuseppe Comi Giuseppe
Comi
Felice Frigerio Felice
Frigerio
Ennio Sala Ennio
Sala
Lino Penati Lino
Penati
La fotografia La fotografia Virgilio Oriani Virginio
Oriani
Bruno Perego Bruno
Perego
Cesare Riboldi Cesare
Riboldi
Secondo Marelli don
Secondo
Marelli
Angelo Stocchetti Angelo
Stocchetti
Giovanni Vanoli Giovanni
Vanoli
Alberto Gabellini Alberto
Gabellini
Roberto Camerani Roberto
Camerani
Antonio Castoldi Antonio
Castoldi
Giovanni Codazzi Giovanni
Codazzi
Maria Codazzi Maria
Codazzi
Antonio De Stefani Antonio
De Stefani
Vittorio 'Ivo' Galeone Vittorio
Galeone
Angelo Ratti Angelo
Ratti
Angelo Galimberti Angelo
Galimberti
Pietro Tremolada Pietro
Tremolada
Giuseppe Meroni Giuseppe
Meroni
Percorsi e momorie della resistenza
Home  |   Contatti  |   Link utili  |   A  |   A+  |   solo testo  
memoriarinnovabile
10/11/2011

Niente soldi da Roma, chiude il museo di Sant'Anna di Stazzema

A causa del blocco dei tagli alla cultura, il sindaco di Stazzema annuncia la chiusura del museo che ricorda l'eccidio nazifascista del 1944. Dura presa di posizione dell'ANPI nazionale

07/11/2011

I funerali della compagna Nori si svolgereranno mercoledì 9 novembre

La cerimonia si svolgerà mercoledì 9 novembre nella sala "Di Vittorio" della Camera del Lavoro, in Corso di Porta Vittoria 43 a Milano alle ore 15,00. La camera ardente sarà aperta alle ore 11 di mercoledì 9/11 nella stessa Camera del Lavoro




06/11/2011

Oggi è morta la partigiana Nori Brambilla Pesce, nome di battaglia Sandra

E' stata compagna di una vita del Comandante partigiano Giovanni Pesce

11/10/2011

No alla manifestazione nazionale che i fascisti di Forza Nuova vogliono tenere a Milano il prossimo 29 Ottobre

Comunicato dell'ANPI di Milano

27/09/2011

Scomparsa della partigiana Stellina Vecchio

Era membro della Presidenza Onoraria dell'ANPI Provinciale di Milano

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 |
14/09/2013

L’ANPI di Cernusco sul Naviglio ricorda ABBA a cinque anni dal suo barbaro assassinio

Il 14 settembre del 2008 il nostro concittadino Abdoul Guibre veniva vigliaccamente assassinato in via Zuretti, a Milano.
Era stato incolpato di aver rubato alcuni biscotti in un bar con l’aggravante di essere un ragazzo con la pelle nera.
Per questo, nel clima di razzismo e d’intolleranza che si respirava da anni nella nostra società, venne rincorso e massacrato a sprangate sul marciapiede dai proprietari del bar trasformati in pronti e ligi esecutori dell’idea (alimentata dall’ignoranza e dal calcolo opportunista di certe forze politiche) che lo straniero andasse comunque punito perché diverso.
L’Associazione Nazionale Partigiani di Cernusco vuole ricordare questo terribile episodio, che ha segnato un'ulteriore presa di consapevolezza della gravità della condizione del nostro Paese, per ribadire con fermezza la più netta condanna per ogni forma di razzismo e d’intolleranza e di durissima opposizione a quelle forze politiche e a quei movimenti che alimentano queste idee di odio insensato.
Purtroppo questo clima di odio si respira ancora oggi,basti pensare alle becere e pericolose manifestazioni contro il ministro per l' Integrazione Cecile Kyenge portate avanti da forze politiche xenofobe e razziste che fanno dell’intolleranza e dell’ignoranza le loro bandiere.
La storia insegna,tristemente, che non si può abbassare la guardia e non si possono fare sconti di fronte a episodi e a manifestazioni di tale natura;nazismo e fascismo sono nati da questi semi e occorre vigilare costantemente e con forza perché la democrazia non venga minata nelle sue radici di libertà e di tolleranza conquistate col sangue durante la Resistenza e tradotte nella scrittura dei principali articoli della nostra Costituzione.
Abba è nei nostri cuori anche per questo.
La sua morte rappresenta un simbolo contro i nuovi fascismi e le nuove intolleranze, perché è un giovane che è stato ucciso dall’indifferenza e dall’ignoranza, perché è stato ammazzato da quelle stesse idee criminali contro le quali lottarono e morirono moltissimi giovani come lui nella guerra di Liberazione.
A cinque anni da quel tristissimo episodio ci stringiamo con affetto alla famiglia di Abba.

ANPI Cernusco sul Naviglio sezione “Riboldi-Mattavelli”